Case da copiare: 45 metri quadri con stile, arredati da un’appassionata di moda

Quando si ama la propria casa, la passione traspare da ogni piccola scelta, da ogni oggetto, da ogni particolare: come in questo appartamento milanese di 45 metri quadri, che esprime tutto l’amore della padrona di casa per lo stile.

E’ appassionata di moda infatti la proprietaria di quest’abitazione, tanto da averne fatto la sua professione. E l’attaccamento a uno stile fortemente caratterizzante si nota in ogni particolare della sua casa, il cui interior design, da lei interamente curato, si ispira ai colori della Maison Chanel, il bianco e il nero.


Ma qualche tocco di colore diverso c’è, ad esempio nell’ironico appendiabiti di Philippe Watts Design, oppure nell’elegante rivestimento Bisazza del bagno.

Saranno però le parole della stessa proprietaria a raccontarci la storia di questo appartamento, che è poi anche la sua personale storia.

“Mi sono trasferita da Brescia a Milano nel 2007 per studio che poi si è tramutato in lavoro (nella moda, mia grande passione). Dopo un anno  in affitto, ho deciso di comprare casa. Ho trovato questo stabile-ringhiera degli anni ’20 in zona Navigli – la zona più artistica e all’avanguardia del capoluogo lombardo –  che un’impresa immobiliare ha deciso di ristrutturare e ho acquistato il bilocale al primo piano. Lo stabile mi è piaciuto da subito perché si affaccia sul Naviglio Grande, infatti la visuale dalla mia camera ha un ampio respiro perché non c’è nessun palazzo che contrasta l’orizzonte. Inoltre la zona è una delle più cool, in quanto nell’adiacente zona di Via Morimondo hanno  ristrutturato la ex Richard Ginori e creato loft e showroom di moda.

Essendo una casa comprata sulla carta e quindi ancora in costruzione, ho potuto scegliere le finiture strutturali e di base. Quindi ho scelto un parquet in rovere sbiancato Listone Giordano per tutta la casa, mentre  per il bagno il pavimento è in ceramica total black con muri rivestiti di mosaico Bisazza fino a 1,20 mt. Ho fatto creare una piccola parte della parete tra bagno e camera in vetro cemento per dare luce al bagno cieco . Inoltre ho creato un abbassamento portante nel corridoio che potessi poi utilizzare come ripostiglio.

La pianta è semplice, salotto con angolo cottura, corridoio, bagno e camera con balcone che si affaccia, come citato sopra, sul Naviglio.

I colori utilizzati per le finiture e gli arredi sono il bianco e il nero, in quanto amo il marchio Chanel. Infatti  i codici stilistici essenziali e chic della Maison francese sono stati l’ispirazione per la mia piccola casa. Il mobilificio a cui ho affidato gli arredi è B&V di Flero in provincia di Brescia, che a posteriori è stata un’ ottima scelta. Graziano, il titolare, mi ha aiutata e indirizzata, rendendo concrete le mie idee “stilistiche”.

La cucina laccata bianca ha un piano in grafite nera, e continua nei mobili del salotto. A contrasto due mobili sospesi con apertura a vela in vetro nero. Il tavolo in cristallo nero ha la base cromata e le sedie sono di Milano 2015 di Colico Design (presentate al Salone del Mobile 2010). Il divano è in nappa nera con impunture bianche e ha un sistema elettronico che permette diverse posizioni relax.

Il bagno ha un lavello squadrato appoggiato su una base in marmo nero con una staffa cromata porta salviette sotto. Il rubinetto, di Faris Rubinetterie, è incassato a muro. I mobiletti in legno nero opaco creano armonia con le finiture cromate del termo arredo e della placca scarico WC nera e cromo di Gielle. Ovviamente il tappetino fatto creare su misura con logo Chanel è un po’ la mascotte della casa!

La camera è total white, con letto contenitore con testata in pelle bianca capitonnée e armadio e comò in vetro bianco.

I lampadari sono frutto di un’accurata ricerca. Quello bianco in metallo del salotto – design olandese – crea uno stile total white grezzo, diventando un prolungamento del  muro. La sfera – lampadario  del bagno è invece nera e si ispira al look total black del bagno mentre per la camera l’ironia del lampadario trasparente si ispira alle bottigliette di campari di Ingo Maurer  e dona leggerezza all’insieme.

Completano il design i complementi: la testa di cervo impagliato in poliresina di KARE DESIGN e gli appendiabiti a maxi-vite di Philippe Watts Design, oltre alle mensole in vetro nero di CALLIGARIS e lo svuotatasche di SELETTI.”

Questo articolo ha un commento

  • sergio scrive:

    Ciao, complimenti per la casa! Sto prendendo anche io una casa simile alla tua e sto cercando una soluzione per dare luce e se possibile aria ad un bagno cieco, ho visto che tu hai adottato il vetrocemento, come ti sei trovata, fa luce? io ero indeciso tra il vetrocemento o una finestrella magari con del vetro ghiacciato o decorato, che mi consigli?
    Grazie

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.